en flag
fr-CA flag
nl flag
zh flag
fr flag
de flag
el flag
it flag
id flag
ja flag
pt flag
es flag
th flag
vi flag
Listen to this article

Gli Stati Uniti attualmente non hanno alcun sistema per differenziare i cani di servizio reali dagli animali domestici. Cheryl Paz/Shutterstock.com

Deni Elliott, Università della Florida meridionale

Nel 2017, Marlin Jackson è salito a bordo di un volo di fondo. Quando arrivò alla fila, un altro passeggero era già al centro con un cane di supporto emotivo in grembo.

Secondo l'avvocato del signor Jackson, «Il cane di circa 50 chili ringhiò al signor Jackson poco dopo essersi seduto... e continuò mentre il signor Jackson tentò di allacciarsi la cintura di sicurezza. Il ringhiare aumentò e il cane si è affondato per la faccia del signor Jackson... che non poteva scappare a causa della sua posizione contro il finestrino dell'aereo.» Il risultato è stato il risultato di ferite facciali che richiedono 28 punti.

I cani di supporto emotivo non addestrati non attaccano solo le persone. Attaccano anche cani di servizio altamente addestrati, a volte finiscono la loro vita lavorativa.

Posso relazionarmi. Sono una persona ipovedente che collabora con il mio quarto cane guida per un periodo di 20 anni. Negli ultimi dieci anni, ho sempre più bisogno di far fronte a gestori incapaci che permetteva ai loro animali domestici di interferire con il lavoro del mio cane.

Come professore di etica, insegno agli studenti a considerare prima le esigenze dei più vulnerabili. Vorrei poter insegnare la stessa lezione a coloro che rischiano la sicurezza pubblica con i loro cani mal addestrati, la maggior parte dei quali sono animali di supporto emotivo, una categoria non riconosciuta dall'Americans with Disabilities Act.

Cani, cani, cani

Negli ultimi dieci anni, gli animali di supporto emotivo presumano sono sempre più apparsi nei negozi, nei ristoranti e negli aeroporti. Mentre pavoni, maiali e canguri fanno i titoli, quasi tutti gli animali che si trovano nelle zone senza animali sono cani. Mordere il cane, abbaiare, ringhiare, urinare e defecare sono i principali reclami, con una compagnia aerea che segnala un aumento dell'84% degli incidenti legati al cane dal 2016-2018.

L'afflusso di cani inappropriati ha anche generato sospetti ingiustificati verso i circa 10.000americani che, come me, collaborano con cani guida legittimi e addestrati.

L'accesso pubblico degli animali negli Stati Uniti è attualmente governato da un sistema patchwork di leggi incoerenti, creando confusione per le persone con disabilità, i cittadini e, in particolare, i guardiani — i gestori di negozi, i proprietari di ristoranti e supervisori di edifici incaricati di decidere quali cani dovrebbero essere ammessi nel loro no- spazi per animali domestici.

Cane da servizio o animale domestico? Stephen Chernin/Getty Immagini

In altri paesi, i documenti d'identità vengono rilasciati solo a cani da servizio qualificati professionalmente che hanno dimostrato la capacità di comportarsi in pubblico. Negli Stati Uniti, non esiste tale convalida. Di conseguenza, i proprietari di animali domestici sono diventati sempre più sfrontati nel reclamare in modo fraudolento i loro animali giustificano l'accesso pubblico legale.

Cani da servizio contro animali di supporto emotivo

Il Dipartimento di Giustizia, che applica l'Americans with Disabilities Act, permette alle persone con disabilità fisiche, sensoriali, psichiatrici, intellettuali o mentali di avere accesso pubblico con cani di servizio che sono stati addestrati individualmente per svolgere compiti che mitigano le disabilità dei loro proprietari.

Il Dipartimento dei Trasporti e Dipartimento di Housing e Sviluppo Urbano consentono cani di servizio sui trasporti pubblici e nelle abitazioni, rispettivamente, ma anche concedere l'accesso a persone con disturbi mentali ed emotivi accompagnati da animali di supporto emotivo — animali non addestrati che hanno bisogno solo di contribuire a Il benessere emotivo dei loro proprietari, come farebbe ogni buon animale domestico.

Tecnicamente, l'individuo che cerca l'accesso con un animale di supporto emotivo deve avere la certificazione di un disturbo mentale o emotivo, che è uno standard molto più basso rispetto al requisito di disabilità del Dipartimento di Giustizia.

Alcuni professionisti della salute mentale sono stati disposti ad attestare il «bisogno» di un individuo di un animale di supporto emotivo senza avere un rapporto professionale con loro. E nessuno garantisce l'adeguatezza di animali specifici.

I cani di servizio ADA possono legalmente accompagnare i loro gestori quasi ovunque. Gli animali di supporto emotivo non possono. Ad esempio, gli animali di supporto emotivo attualmente ammessi nelle cabine degli aeromobili non sono ammessi legalmente nei negozi e nei ristoranti aeroportuali. Gli animali di supporto emotivo autorizzati a vivere nei dormitori universitari non possono andare con i loro proprietari a lezione o alla mensa.

I fornitori online di lettere, giubbotti e toppe dall'aspetto ufficiale garantiti per ottenere l'accesso dei cani nelle zone prive di animali domestici approfittano della confusione tra cani di servizio e animali di supporto emotivo, mescolando liberamente le classificazioni. Essi non menzionano inoltre che l'individuo che cerca tale alloggio deve avere la prova di un disturbo mentale. Questa omissione, di per sé, è un problema etico.

Una situazione difficile per i guardiani

I guardiani devono valutare le conseguenze di affrontare un individuo accompagnato da un cane. Il rifiuto dell'accesso a un gestore disabilitato con un cane di servizio legittimo può comportare una multa di 10.000 dollari da parte del Dipartimento di Giustizia. La multa per un gestore che interpreta falsamente un animale domestico come cane di servizio o animale di supporto emotivo varia da $100 a $1.000 e accade solo se il gestore fornisce l'identificazione o attende la polizia.

Per ora, e' tutto a bordo. Robert Nickelsberg/Getty Immagini

È più economico e più facile per i guardiani sperare solo che i cani discutibili non mettano a rischio i clienti. Gli assistenti aerei devono affrontare un dilemma poco invidiabile, poiché i passeggeri non possono sfuggire ai cani aggressivi o stressati nei confini stretti di un aereo.

Cambiare all'orizzonte?

Ci sono recenti segnali che DOT e HUD si stanno muovendo verso i regolamenti più rigorosi del DOJ. Il 5 febbraio 2020, DOT ha aperto un periodo di commento pubblico di 60 giorni per un piano che riclassificasse gli animali di supporto emotivo come animali domestici e limitasse l'accesso gratuito alla cabina degli aerei solo ai cani di servizio. HUD ha recentemente pubblicato nuove linee guida per aiutare i fornitori di alloggi a determinare meglio l'accesso degli animali.

A mio avviso, è necessario un maggiore intervento federale. La documentazione medica sulla disabilità dovrebbe essere il punto di ingresso per l'accesso ai cani di servizio, così come per i permessi di parcheggio per disabili. Offrire un documento d'identità riconoscibile a livello nazionale per i proprietari di cani di servizio che forniscono volontariamente la documentazione eliminerebbe alcune frodi.

Idealmente, la capacità di un cane di comportarsi in modo appropriato in pubblico dovrebbe essere dimostrata prima dell'accesso e affermata ogni anno dai tester, che utilizzano un test di accesso pubblico per verificare le maniere di un cane e la gestione di compiti specifici per disabilità, come quello sviluppato da Assistance Dogs International o quelli eseguiti da tutti gli Stati Uniti. scuole di cani guida.

Alcuni sostengono che la documentazione e i test siano onerosi o una violazione dei diritti civili dei disabili. Ma i medici, che diagnosticano le disabilità definite dall'ADA, forniscono già ai loro pazienti la verifica per i benefici statali e federali. I test comportamentali assicurano che i loro cani possano lavorare in situazioni stressanti. E garantire la sicurezza pubblica tutela i diritti civili di tutte le persone.

Deni Elliott, Presidente Eleanor Poynter Jamison in etica dei media e politica della stampa; Co-Chief Project Officer per il National Ethics Project, University of South Florida

Questo articolo viene ripubblicato da The Conversation sotto licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

HTML tags are not allowed.

Scroll to Top